Avevo letto la notizia qualche giorno fa, ma molto vaga, per cui ho preferito aspettare a parlarne di avere fonti più certe. Ma la questione arriva anche in Parlamento, per cui a questo punto credo non ci siano più dubbi.

E’ l’Onorevole Evangelisti dell’IdV (Deputato a me caro perché in passato usò proprio un mio articolo per un’interrogazione parlamentare, ndr) a chiedere al Ministro per i Rapporti col Parlamento Giarda che fine abbiano fatto i soldi raccolti con gli sms solidali che prontamente si attivano ad ogni emergenza.

Era il 2009, anno del sisma de L’Aquila, ed i 5 miliardi di euro raccolti via cellulare finirono nelle casse del consorzio finanziario della Enimos, che con quei soldi sostenne, tramite le banche, progetti di microcredito per i terremotati. Non un euro arrivò alle vittime, e le banche lucrarono sulla loro sofferenza e sulla solidarietà umana dei cittadini gonzi, un’operazione speculativa a mio giudizio abominevole.

Qualcuno ci fa la cresta” ha commentato inoltre Evangelisti “perché non è possibile che, per gestire 5 milioni di euro, 500 mila euro siano impegnati per oneri di gestione. Noi su questo faremo attenzione, vigileremo, perché non vogliamo che i terremotati dell’Emilia Romagna finiscano come i terremotati de L’Aquila, in qualche modo dimenticati e in qualche modo abbandonati a loro stessi”.

Vasco Errani, Presidente dell’Emilia Romagna e Commissario per l’emergenza terremoto, ha però garantito che con le donazioni stavolta non si attiveranno progetti analoghi, e quanto raccolto arriverà ai bisognosi. Staremo a vedere. Casa originale di questo articolo

ti potrebbero interessare :

Donazioni terremoto: cinque milioni di sms ad una finanziaria per un progetto di…

Terremoto: le banche speculano sulle donazioni. ABI:

Terremoto: a caccia delle donazioni tramite sms

Terremoto: i veri sciacalli? Banche ed affitta Camper…

Ora, io sono in spiaggia. E so che partendo così molti di voi mi odieranno. Me lo merito, ma non è questo il punto.

Una nonna ha appena detto al proprio nipotino novenne “Michele, non andare a rompere agli altri bambini, gioca da solo”.   m’è sembrata  una frase agghiacciante. Cose da alzarsi e dire “Michè, da bravo, manda a fanculo nonna e vai a giocare tranquillo con gli altri bambini”.

Poi crescono e fanno i sommelier del Glen Grant