Ve lo immaginate un muscoloso e abbronzato Harr Friztche fa il bagnino sulla riviera romagnola, aprendo lettini e ombrelloni tra gli sguardi languidi delle turiste italiane? A capovolgere una dfelle immagini più romanzate delle nostre estati, potrebbe essere una legge europeadal nome minaccioso: la Bolkestein. Che constringerà l’Italia dal gennaio del 2016, ad assegnare le concessioni balneari con un asta pubblica. Per la spiaggia è una sorta di tsunami, quelle zone di sabbia di proprietà del demanio, ma che di fatto passano di padre in figlio o venivano addirittura vendute, potrebbero finire nelle mani di grandi investitori stranieri. Inosmma. rishiano grossole figure più pittoresche , e per alcuni versi leggendarie, delle nostre località turistiche. i bagnini. Che venderanno comunque cara l’abbronzatissa pelle: venerd’ scorso sono rimasti chiusi per sciopero gli ombrelloni in molti dei 30mila stabilimentiitaliani. Il settore garantisce il lavoro a circa 600mila persone. Anche chi non ha incrociato le braccia, come è successo nella riviera riminese, ha comunque incassato lasolidarietà dei clienti :< il bagnino è un amico_hanno commentato in coro i turisi di  diverse nazionalità_e la gestione familiare ci piace>. In attesaa di capire come il governo difenderà l’Italia in sdpiaggia, ci sono però un paio di cose che i bagni ni dovrebbero sistemare. La prima è quella relativa agli importi dei canoni demniali. Sono troppo bassi : poche migliaia di uero all’anno per tratti di spiaggia che vaòlgono oro. La festa è finita: vanno adeguati. C’è poi il discorso delle tasse : la finaza ha di recente rivelato che i nagnini riminesi  dichiarono in media un giro di affari di 20mila eruro all’anno. Qualche storiella, corteggiando le turiste, si puo anche raccontarla. ma al ffisco sarebbe meglio dire sempre la verità.

——————————————————————————————————————————————————————————————-

“a proposito, il Calippo lo fanno ancora? E gli adolescenti degli anni ’80, hanno superato il trauma di vedere le amichette ciucciare con innocente voluttà quel clamoroso scherzo di un marketing ai limiti del pedopornografico?”

Dopo che lei ebbe finito di sfilarsi le mutande, lui osservò quella carne completamente glabra a colpi di ceretta e depilazione estreme. “Ti piace?” gli chiese. “Avessi voluto vedere un pollo spennato sarei andato al banco carni..” rispose lui schifato.

buona domenica