7 anni
L’unica soluzione per mettere d’accordo tutti
“Gli studi dicono che meno ne sai e più credi di saperne. Meno hai conoscenza della complessità del mondo e dei fenomeni, e più ti costruisci un’immagine semplice e inaffondabile di quel mondo e di quei fenomeni, anche se non corrispondente alla realtà. Chi cercherà di mettere in crisi questo quadretto inserendo elementi di critica finirà per esporre delle falle talmente enormi da presupporre un ripensamento globale, enormi passi indietro, ripartenze da zero. Per questo una forma di autodifesa rinforzerà il senso di sicurezza, alzerà mura ancora più alte intorno all’orticello delle quattro sciocchezze spacciate per puntuale e acuta analisi delle cose “come stanno”, in un procedimento a spirale che difficilmente si riesce a spezzare. L’orgoglio della semplicità è orgoglio di un errore prospettico, insomma, ed è figlio dell’effetto Donning Kruger. Se Celentano avesse letto dei libri, invece di proclamarsi “Re degli Ignoranti” e dispensare soluzioni a problemi che non conosce, non scriverebbe lettere ai giornali.

Grillo non sa, oppure sa ma vuole indurre questo meccanismo nel suo pubblico? Non ne abbiamo idea e poco ci interessa. Sicuramente molti seguaci del movimento, così come chiunque venga convinto dal populismo in genere, sono toccati dal fenomeno.”

(http://www.freddynietzsche.com/o-conosci-le-cose-o-muori-come-uno-scemo-ovvero-perche-il-grillino-e-in-buona-fede-quando-non-sa-una-mazza-e-fa-anche-lo-scocciato/ – O conosci le cose o muori come uno scemo (ovvero Perché il grillino è in buona fede quando non sa una mazza e fa anche lo scocciato); e un chiarissimo approfondimento dell’effetto Donning Kruger sul blog http://www.ilpost.it/amedeobalbi la-dittatura-dellincompetenza
E adesso, quando qualcuno mi chiederà come mai sono così preoccupato, saprò anche rispondergli perché.

cultura