In questo paese che non so perché si chiami bello, visto che la Slovenia è più verde, in Grecia c’è più mare, in Germania c’è meno cemento, in Svizzera c’è meno inquinamento e in Guatemala c’è meno corruzione, e in tutti gli altri paesi c’è meno mafia camorra e coglionate armate, un duetto di miracolati possono permettersi di usare la formula “del fare” che tanta sfiga ha portato al fare negli ultimi tempi. Il suicidio del M5S sta dimostrando che in Italia non vuole cambiare nemmeno chi vuole cambiare. Siamo costretti a chiederci perché un prefetto rubi, solo per non farci l’altra domanda fondamentale: a che cazzo serve un prefetto? I giornali sotto dettatura indicano i pensieri che dobbiamo avere nella notte e così per una settimana è indispensabile eliminare le province finché il pensiero unico non decide che non lo dobbiamo pensare più; e un’altra settimana ci occupiamo di intercettazioni, o magari discutiamo se la puttana del vecchio ha le tette rifatte oppure no. Pinocchio è il nostro vero e giusto rappresentante: burattini bugiardi, cui manca tanto la mamma, che si fanno fottere da ladri da strapazzo e prendono a martellate i tanti grilli parlanti solo perché gli ricordano che sono stronzi. (via mangorosa)

let

briatore

Mi preoccupa un Paese che si lamenta da venti anni, un Paese sull’orlo del baratro, che continua a tollerare e a votare gli stessi personaggi putridi che l’hanno rovinato.

Mi preoccupa un Paese narcotizzato dalle tv, un Paese passivo, vuoto, rassegnato, che ha perso qualsiasi speranza insieme alla sua dignità.

Mi preoccupa un Paese che riesce a riempire le piazze solo per andare ad ascoltare il guru di turno. Un Paese senza più nessun tipo di solidarietà, in cui l’egoismo è la regola, in cui i giovani sono più vecchi dei vecchi.

Mi preoccupa, più del fascismo che vedo in Turchia oggi con i miei occhi, il nichilismo che vedo in Italia.

Auguro al mio Paese di non continuare a farsi prendere in giro, di alzare la testa.

Lottate, cazzo.

mitra

“Cara Emma, scusa, ma sarà mica per gli ottimi affari bellici che facciamo con la Turchia che ancora non hai espresso alcuna condanna per le violenze, proprio tu che sei radicale eh?”

Come, i curdi valevano tutto il casino che si poteva fare in piazza e coi governi e i manifestanti contro l’ennesimo scempio della speculazione politico-edilizia non valgono manco una dichiarazione sdegnata o preoccupata? Sarà mica per questo?

Dai Emma, fammi vedere che si sbagliano.