Scontri alla Sapienza: cariche della polizia nella città universitaria: “Vergogna” – Corriere dell’Università

Se i fascisti a Torino fanno un’ora di scontri la polizia si toglie i caschi. Se gli studenti contestano Napolitano e Letta invitati ad un convegno in Sapienza la polizia li carica alle spalle nei viali della loro università.

Il 12 dicembre 1969 alle 16,37 scoppia una bomba nel salone della  Banca Nazionale dell’Agricoltura di piazza Fontana a Milano, uccidendo diciassette persone (quattordici sul colpo) e ferendone altre novanta.

In meno di un’ora altri quattro ordigni scoppiano o vengono ritrovati a Milano e a Roma. Una seconda bomba viene rinvenuta inesplosa nella sede milanese della Banca Commerciale Italiana di piazza della Scala che viene fatta brillare dopo i primi rilievi distruggendo così (come dichiarato dal giudice Gerardo d’Ambrosio e confermato dalla Cassazione) elementi probatori di possibile importanza per risalire all’origine dell’esplosivo e a chi abbia preparato gli ordigni. Una terza bomba esplode a Roma alle 16,55 nel passaggio sotterraneo che collega l’entrata di via Veneto della Banca Nazionale del Lavoro con quella di via di San Basilio, ferendo tredici persone. Altre due bombe esplodono a Roma tra le 17,20 e le 17,30, una davanti all’Altare della Patria e l’altra all’ingresso del Museo centrale del Risorgimento, in Piazza Venezia, ferendo quattro persone.

Cinque attentati terroristici, con 17 morti e oltre 120 feriti in 53 minuti a Roma e Milano, di matrice neofascista ad opera di formazioni di estrema destra – in seguito coperti da parti di istituzioni dello Stato, soprattutto i servizi segreti – che miravano a destabilizzare la situazione sociale per inasprire la tensione  e instaurare un modello di governo ancor più repressivo e antidemocratico.

E c’è ancora chi cavalca la destra e ancora troppi non sanno, per ignoranza anche indotta ma non meno colpevole, che cosa successe quel 12 dicembre e per mano di chi. (via tattoodoll)

In tutto ciò, tra rivoluzioni, forconi, caschi e coglioni oggi è poi il 12 dicembre, anniversario di Piazza Fontana

Fate come gli alberi: cambiate le foglie e conservate le radici. Quindi, cambiate le vostre idee ma conservate i vostri principi.