lastboyscout:</p>
<p>Monica Vitti, "La ragazza con la pistola" (Mario Monicelli, 1968).

Monica Vitti, “La ragazza con la pistola” (Mario Monicelli, 1968).

Stavamo a tavola, da buoni cittadini mangiavamo allo stesso orario dei vari telegiornali, che se solo mangiassimo poco prima o poco dopo, le notizie non le digeriremmo insieme al cibo.

Come troppi giorni a questa parte si parlava dell’omicidio della ragazzetta, yara.
Adesso io non sono preparata in materia di giustizia, storia delle procedure penali, diritto penale, diritto internazionale e compagnia bella e quindi m’è venuto di fare una domanda ad alta voce e mi son chiesta e ho chiesto, visto che non ne ho idea, vorrei sapere se negli altri paesi per trovare un assassino fanno tutta sta giostra? Prima non si trova, poi si trova, poi non è più lui, poi forse c’è qualcun altro , poi invece era solo, ma le macchie di sangue son sue invece poi sono di un gatto che passava di lì, però a quell’ora non tirava vento e potrebbe essere che la roba sul muro sia sugo e insomma pure dalle altre parti ad ogni cazzo di assassinio fanno tutte ste storie? Ogni volta come da noi? E’ che son curiosa proprio.
Ha risposto papà.
Ha detto che in america di fatti del genere ne accadono centinaia, forse migliaia al giorno e noi abbiamo troppo tempo da passare davanti la tv.

E così sia.

 

 

 

quartodisecolo:</p><br /><br />
<p>(via Cosa si può imparare dalle ricerche degli italiani su Google | VICE Italia)<br /><br /><br />
Gli addominali, come il Molise, non esistono.</p><br /><br />
<p>Friulani e Lucani vincono.