E)cosa ci insegna il matrimonio?

S)tante cose.

E)una in particolare?

S)che potevamo farne a meno.

E)voi siete un gran cinico.

S)si è mai chiesta chi è il cinico?

E)no, ma ne ho cosciuti tanti. Non li amo e hi sempre diffidato di loro. Pensano solo a se stessi.

S)Ma conoscono la vita e non si fanno illusioni. Come i pessimisti. i quali non sono altro che ottimisti bene informati, che sanno come andrà a finire.

E)non potete negare che l’amore è uno stato di beatitudine celestiale.

S)si , ma quanto dura?

E)dipende da noi.

S)ne siete proprio sicura?

E)voi dunque non credete all’amore eterno?

S)prima, come diceva il filosofo, l’amore comincia con un brivido e finisce con uno sbadiglio.

E)secondo voi, dunque, ogni matrimonio è destinato a sfiorire.

S)se fondato sull’amore si. Più stabili quelli celebrati dall’interessi e favoriti dalla lontananza, perpetuati dall’equivoco.

E)spiegatevi meglio.

S)l’equivoco si fa cercare nell’altro o nell’altra quello che non c’è, infondendoci l’illusione di trovarlo

E)eppure io sono innamorata.

S)da quanto tempo?

E)da un anno.

S)lasciatene passare un anno e vedrete.

E)eppure una ricetta per non fare naufragare un’unione ci sarà.

S)una sola: temperare il matrimonio con l’adulterio, come i cospiratori  temperano con il regicidio il dispotismo dei tiranni.

E)voi,  quindi negate che la fedeltà sia sufficiente a tenere unita una coppia.

S)ma cos’è la fedeltà se non un forte prurito con la proibizione di grattarsi?

E)io non mi sono mai grattata.

S)infatti, siete piena di rughe e il vostro umore intriso di rimpianti.

E)e la gelosia?

S)è solo l’orgoglio della carne.

E)e se vedeste vostra moglie a letto con un altro?

S)impossibile, dormiamo in camere separate.

E)e se qualche perfida lingua insinuasse che vi tradisce?

S)le renderei la pariglia.

E)voi, dunque,  il matrimonio lo vivete alla giornata.

S)al matrimonio io sopravvivo come tutti.

E)gli adulteri vanno confessati?

S)solo se c’è complicità.

E)vorreste dire reciprocità.

S)esattamente.

E)voi cosa chiedete a una donna?

S)di trattarmi come tratterebbe l’amante.

E)e se foste una donna cosa chiedereste ad un uomo?

S)di credere alle mie menzogne. nessuno le racconta meglio di voi.

E)noi diciamo solo bugie utili.

S)cosa vi piace di più in un uomo?

E)l’inafferrabilità. come dice il proverbio “in amor vince chi fugge”…..

S)solo se qualcuno lo insegue.

E)cosa più le piace in una donna?

S)ancora non l’ho capito.

E)il pudore, secondo0 voi evita il peccato?

S)no: lo complica.

E) la differenza tra la cotta e l’amore?

S)la cotta è un capriccio del cuore. l’amore un progetto. spesso illusorio ed effimero.

E)del passato di una donna cosa la eccita?

S)soprattutto quello che mi piace.

E)perché ci si bacia ad occhi chiusi?

S)anche per non ridere.

E)ma allora che cos’è la felicità?

S)l’illusione di raggiungerla.