L’amore promiscuo

In questi tempi in cui si fa tanto a parlare di “amore”,

quello cieco e senza senso, quello che lotta,

quello al sapore di un sussurro,

quello di un bacio senza ricordo.

Quell’amore che tutti cercano e non trovano,

oppure che cercano nei posti sbagliati.

“Amore” promiscuo di un’afosa giornata,

consumato tra lenzuola annoiate,

senza più stupore né sentimento,

come fosse lo sciogliersi della neve,

quell’ “amore” che non lascia niente,

se non un sms sul telefonino,

la prossima volta che vorrai trasgredire,

che non vorrai sentirti sola,

per ansimare ancora una volta,

tra le sue braccia…o quelle di un altro.

Amore parola sacra usata malamente,

pochi ci credono molti lo rincorrono a perdifiato,

quanto costa una carezza quanto spreco,

per rigirare tra le dita lo stesso biglietto,

frutto di un incontro casuale,

solamente per sentirti meno stanco,

per lambire di libidine la tua sofferenza,

tralasciando di pensarci ancora un po’,

nel corpo di qualcuno che soffre altrettanto,

ma che sfoga nel sesso l’ “amore”sbagliato.

(Lauretta)