Non esistono morti di “serie B”…..comunisti di merda

hai voglia te se esistono morti di serie b, pure di serie z.
le atrocità sono atrocità, e fin lì non ci piove. ne hanno commesse anche i partigiani, certo. resta che il 95% dell’esperienza partigiana è positiva (e non erano solo comunisti, pure democristiani ecc ecc) ed è l’unica cosa di cui si possa andare orgogliosi in quegli anni; così come resta che l’esperienza fascista è 95% merda, pure se qualcosa di buono avranno anche fatto.
ho avuto avi fascisti, un paio anche ammazzati; e ho avi partigiani.
penso che il problema è che in italia, finita la guerra, col fascismo non si sono fatti i conti fino in fondo, per gli stessi vizi che portano renzi a fare lingua in bocca con berlusconi.
in germania sono stati più seri con l’altra merda epocale, il nazismo.

Purtroppo la storia delle Foibe non può essere catalogata come una “storia di fascisti” o “comunisti”. Chiunque conosca la storia di Istria, Dalmazia, della Venezia Giulia dovrebbe sapere che questo approccio è ingiusto e diffamante.
Popoli che avevano convissuto piuttosto pacificamente fin dai tempi della Serenissima e poi dell’Impero asburgico si trovarono all’improvviso ad aver a che fare con una occupazione barbara e massiccia di italiani arroganti e incolti, durante il ventennio fascista, che lasciarono tanti e tali strascichi sulle spalle delle popolazioni autoctone che fu facile gioco, dopo, epurarli e perseguitarli per colpe non loro. Tra l’altro, abbandonati dagli stessi Italiani che li avevano compromessi.
La pulizia etnica toccò loro, che vivevano lì da almeno 400 anni, non solo i fascisti italiani e croati. Anzi, questi ultimi confluirono (come i nostri) nelle file dei partiti comunisti nascenti…

Per questo sarebbe giusto non essere retorici né caustici nei loro confronti: al pari degli altoatesini, non ci hanno cercati loro (tranne le frange irredentiste che ci hanno portato alla 1 guerra mondiale), ci hanno subiti, e non gli abbiamo mai reso giustizia.

con l’equidistanza non vi da da punte parti.
io ho risposto a una tizia che ha scritto “comunisti merde”, ti faccio notare.
senza specificare neppure quali (quelli di tito? quelli italiani? la confusione fa comodo)
il problema delle foibe, pur essendo d’accordo con quanto dici, è che è stata messa sul piatto all’epoca da un governo di centrodestra, con postfascisti dentro, per stabilire una sorta di pacificazione nazionale sulla base del “siamo stati stronzoni tutti”. tutti uguali, comunisti e fascisti.
col cazzo.

stiamo parlando di comunisti italiani, eh. non di quelli di stalin.
che poi, anche qui…. ma non andiamo lontano.
dire che fascisti e comunisti (i partigiani sono sempre comunisti, nella retorica fascista. altra balla stupida/ignorante/in malafede) sono stati tutti uguali è una menzogna vilissima, piena di voluta ignoranza storica, che è passata solo con una sinistra complice e un centro (la parte non al governo) distratto. il giorno del ricordo è ridicolo e pretestuoso.
bisognerebbe ricordare tutti gli ammazzati jugoslavi dalle violenze italiane fasciste.
tra l’altro, poiché dilaga l’ignoranza e non solo l’idiozia, non si sono nemmeno accorti che i tizi con l’elmetto che sparano nella foto più usata per questa pagliacciata difficilmente possono essere partigiani, e infatti sono soldati dell’esercito italiano che sparano su jugoslavi. chissà di che colore politico erano questi soldati?

cito da qui: http://smargiassi-michele.blogautore.repubblica.it/2012/03/23/non-dire-falsa-testimonianza/#more-9976

È la foto di una fucilazione. Questo è abbastanza chiaro. Tutto il resto sembrerebbe esserlo molto meno. Perché questa fotografia è stata indotta più volte, in buona o cattiva fede, a rendere falsa testimonianza. Anzi falsissima, addirittura il contrario della sua verità. Documento della sanguinaria repressione compiuta dalle truppe italiane in Slovenia durante la seconda guerra mondiale, è stata utilizzata come documento della violenza sanguinaria uguale e contraria, quella della vendetta dei partigiani di Tito contro gli italiani, passata alla storia come massacro delle foibe. Come sia potuto succedere non è chiaro, nonostante le ricerche che alcuni storici, esasperati, hanno condotto.

utile leggere anche http://www.diecifebbraio.info/dossier-foto-fucilati-di-dane-slovenia-31-luglio-1942/ (compreso un commento)