L’uomo ha bisogno di sapere quello che è e il tempo, di per sé, non è in grado di dirglielo.
.Ogni cosa che impedisce all’uomo di essere quello che è, ogni cosa che lo ostacola in questo cammino, pone dei ritardi che vanno poi recuperati (è singolare però il fatto che ogni tentativo di distruggere con la violenza questi fattori che ritardano l’affermazione dell’identità di sé, si pone in contraddizione proprio con questo obiettivo).
Il tempo scorre a prescindere dall’autoconsapevolezza umana, ma non scorre invano, per nessun essere umano della
terra.

Il tempo ha senso se può essere riempito di significato. Un senso della vita può essere trovato dentro di noi o fuori di noi, cioè può esserci trasmesso da altre persone. Ma nessuno può dirci quanto grande debba essere questo “significato” al fine di permettere allo scorrere del tempo di non pesarci.