toccami, come onda del mare

sugli scogli i tuoi seni ho bisogno di bere

in questa tempesta che travolge e sublima.

Baciami. mordimi, incendiami,

il desiderio di sentire l’umido sapore

dei tuoi sensi umidi  fa vibrare il mio corpo.

non divincolare la mia passione

fatti assorbire, entra in me

esala nel tuo ardore di amante,

la bocca mia vorace affamata

di carne or concessa  e disperata.

prigionieri di un sogno che incombe

sento il tuo piacere lento

che sussulta all’atteso movimento.