C’è gente,
che, solo dando la mano, rompe la solitudine,
apparecchia la tavola, serve il minestrone, sistema i festoni.
Che, solo impugnando una chitarra,
crea una sinfonia dentro casa.
C’è gente che, solo aprendo la bocca,
arriva fino agli ultimi confini dell’anima,
alimenta un fiore,
inventa sogni,
fa cantare il vino nei tini
e si ferma poi, come se nulla fosse stato.

E uno se ne va come riconcialiato con la vita,
cacciando via una morte solitaria,
poiché sa che, girato l’angolo,
c’e`gente che e’ così , tanto neccessaria
come te.
 
Hamlet L.Q.

Campi in fiore
mille primavere tutte insieme
dai profumi incancellabili
albe e tramonti indelebili e stagliate nel cielo
tempeste marine che si elevano sino a raggiungere l’anima
eruzioni rosse e calde sfavillanti fuoco e magma.

Tutto, per festeggiare e celebrare
quest’inno alla vita che desidera vivere
sino in fondo ed a tutti i costi
per sapere finalmente di ‘essere’
e di riempire uno spazio nell’infinito

Senza alcun clamore
possedendo il cielo nel più intimo di noi,
mondi nuovi e speranza nel domani,
come compagnia di ogni singolo giorno.

…Queste parole producono ossigeno
e lo respireremo e ne trarremo beneficio
sino in fondo, per tutta la vita che c’è.