https://3nding.tumblr.com/video_file/t:d9FPzcSP2a6xqi1UlApb3w/161581228841/tumblr_or4e2ojzsK1vnq1cr

 

 

 

http://t.umblr.com/redirect?z=https%3A%2F%2Fwww.vice.com%2Fit%2Farticle%2Ffoto-mirandola-tricolore-razzismo&t=ZGQxZWQxZmQyNzQwYzVjYmUxNTBjN2RiNDZlNjNlN2RmNGMzNWIyZixFdTJtTG5EVw%3D%3D&b=t%3Ad9FPzcSP2a6xqi1UlApb3w&p=http%3A%2F%2F3nding.tumblr.com%2Fpost%2F161581819511%2Fi-razzisti-italiani-non-riescono-proprio-a-farsi&m=1

Vilipendio al tricolore»: esposto sull’abito della mirandolese Mami

Fa discutere il vestito della studentessa che ha incontrato Mattarella. Informati i carabinieri: «La bandiera italiana non può toccare terra, indagate»
La bandiera come abito: vilipendio al tricolore. È davvero un uso indegno?
Mbayeb “Mami” Bousso, studentessa di 15 anni, arrivata a Mirandola (Modena) dal Senegal, omaggia il presidente della Repubblica Mattarella, in visita a fine maggio nei luoghi del terremoto, indossando un abito-tricolore. Frutto di un progetto scolastico. Ma un normale cittadino, Giulio Cozzani, presenta un esposto alla procura di Pistoia per vilipendio alla bandiera che non potrebbe toccare il suolo. E l’esempio di integrazione diventa un caso su cui indagare: ora la questione è arrivata in Procura a Pistoia a seguito dell’esposto firmato da tal Giulio Cozzani. L’uomo, infatti, si è recato da carabinieri di Buggiano per segnalare il vilipendio alla bandiera italiana da parte di ignoti.
“…la bandiera viene sempre usata in modo dignitoso, non deve mai toccare il suolo né l’acqua; non deve essere portata sostenuta piatta o orizzontalmente, ma sempre in alto e libera di sventolare naturalmente…Due sono i punti in cui si intravede reato di vilipendio: il tricolore non può essere usato come drappeggio; il tricolore viene trascinato per terra».

 

Come si può pensare al “Vilipendio alla bandiera” per una foto così bella?
Io ci vedo un messaggio di speranza. Solidarietà a Mbayeb.

Che paese di MERDA e diventato l Italia

Lunedì 5 giugno, si è tenuto a Montecitorio un incontro tra il presidente della Camera dei Deputati, Laura Boldrini, e il presidente del Consiglio Supremo dell’Ucraina (Verchovna Rada Ukraïny), il parlamento ucraino, Andrij Parubij.

Parubij è stato nel 1991 uno dei due fondatori, insieme a Oleh Tjahnybok, del Partito Social-Nazionale di Ucraina, partito fascista e di estrema destra che si ispirava all’Organizzazione dei Nazionalisti Ucraini, movimento che durante la Seconda Guerra Mondiale collaborò con gli occupanti nazisti in funzione anticomunista.

Contestualmente all’incontro tra la Boldrini e Parubij è stato firmato un memorandum d’intesa che rafforza la cooperazione parlamentare tra Italia e Ucraina, sul piano politico e amministrativo. I due presidenti hanno inoltre dichiarato che «l’Ue è il riferimento internazionale al quale l’Ucraina guarda con estremo interesse e va difeso dai tentativi di disgregazione».

È vergognoso come la sinistra di governo non esiti a sostenere governi golpisti e apertamente fascisti quando si tratta di difendere l’Unione Europea, e di conseguenza le borghesie e i monopoli che la governano, dimenticandosi della spietata repressione anticomunista subita in questi anni dal Partito Comunista dell’Ucraina e dalla Lega della Gioventù Comunista Leninista di Ucraina, che ha causato anche molte vittime, tra cui va ricordato il giovane comunista Vadim Papura, vittima del massacro di Odessa.
La Riscossa

 

 

 

 

 

 

 

 

Contro i fucili, carri armati e bombe
contro le giunte militari, le tombe
contro il cielo che ormai è pieno
di tanti ordigni nucleari
contro tutti i capi al potere che non sono ignari.

contro inique sanzioni, crociate americane
per tutta la gente che soffre, e che muore di fame.
Contro chi tiene la gente col fuoco
contro chi comanda e ha in mano il gioco
contro chi parla di fratellanza, amore, libertà
e poi finanzia guerre e atrocità.

contro la destra del governo israeliano
conto chi ha commesso stragi, pagato ancora non ha
per tutta la gente ormai stanca che vuole verità.

Contro tutte le intolleranze
contro chi soffoca le speranze
contro antichi fondamentalismi e nuovi imperialismi
contro la poca memoria della storia.

Contro chi fa credere la guerra un dovere
contro chi vuole dominio e potere
contro le medaglia all’onore, alla santità
per tutta la gente che grida libertà.

 

Nomadi “Contro”