Rising Sun.

È triste il Paese che ha bisogno di sentire che non accogliere gli immigrati potrebbe danneggiarci economicamente, per convincersi a fare la cosa giusta.

Triste quasi quanto il Paese che ha bisogno di sentire “Pensate alle vostre madri, figlie, sorelle” per capire che dovrebbe rispettare le donne e i loro diritti, visto che sono esseri umani pure loro e non proprietà.

che morire da grandi soldati (Source: limaotto, via l3tsgo)

Gli esseri umani comprano un milione di bottiglie di plastica al minuto”

Un milione di bottiglie di plastica vengono comprate ogni minuto nel mondo e il numero potrebbe aumentare del 20% entro il 2021, dando luogo ad una crisi ambientale seria tanto quanto il cambiamento climatico. È questa la stima pubblicata dal Guardian, che ha consultato e interpellato diverse fonti al fine di ottenere un quadro generale dell’attuale consumo di plastica nel pianeta.

Ventimila bottiglie di plastica vengono comprate ogni secondo: stando ai dati raccolti, la domanda deriva da un insaziabile desiderio di acqua imbottigliata e dal diffondersi della cultura e dello stile di vita occidentale anche in Cina e nei Paesi del sud est asiatico.

Più di 480 miliardi di bottiglie di plastica sono state vendute nel 2016 in tutto il mondo: se venissero messe l’una dopo l’altra, arriverebbero a ricoprire più della metà della strada che ci separa dal Sole. I numeri sono destinati ad aumentare: secondo l’Euromonitor International, entro il 2021 saranno 583 miliardi le bottiglie di plastica acquistate dalla popolazione mondiale.
Meno della metà delle bottiglie comprate nel 2016 sono state riciclate e solo il 7% di quelle raccolte sono state trasformate in nuove bottiglie. Un numero spaventoso è finito nei nostri mari e, di conseguenza, tramite i pesci, anche sulle nostre tavole.
(Huffinghton Post)

L’età della pietra – Il Fatto Quotidiano »

 

Questa vergogna senza eguali viene contrabbandata per “garantismo”, mentre scava un fossato ormai incolmabile fra diritto e giustizia, fra regola e prassi, fra imputati di serie A e di serie B, fra potenti e poveracci, fra ricchi e poveri. A furia di depenalizzare reati gravissimi, agevolare prescrizioni, allargare immunità, regalare franchigie ai soliti noti, è sempre più difficile accettare le sentenze di una giustizia forte coi deboli e debole coi forti. Il mese scorso un tizio di Palermo che aveva rubato un pezzo di formaggio in un supermercato di Mondello s’è beccato 16 mesi di galera senza la condizionale: cioè finirà in galera. E quelli che per anni (entro e non oltre il 1994) hanno venduto lo Stato alla mafia la faranno franca l’uno dopo l’altro. Si spera almeno che chi plaude o tace su questo schifo, il 19 luglio ci risparmi le solite corone di fiori in via d’Amelio. E abbia il coraggio di fare sulle tombe di Borsellino e Falcone ciò che fa di nascosto da 25 anni: sputarci sopra.

Forse ora è più chiaro
Giuliano Novelli

Nel lido ‘Punta Canna’ a Chioggia, il proprietario intrattiene i bagnanti con discorsi che dall’altoparlante inneggiano all’ordine, alla disciplina e alla pulizia. Ma non solo. Nello stabilimento tappezzato da cartelli con Mussolini, frasi di Ezra Pound e vietato alla “gente maleducata” che “mi fa schifo” come gli fa schifo “la democrazia perché io sono per il regime”, chiarisce come per lui “i tossici dovrebbero essere sterminati” e come “il 50% della popolazione mondiale è merda”. A volte, oltre ai discorsi trasmessi ogni mezz’ora, l’uomo lascia spazio anche agli inni di regime e insulti a Papa Francesco per la sua apertura verso i migranti.

La Repubblica

Nel lido ‘Punta Canna’ a Chioggia, il proprietario intrattiene i bagnanti con discorsi che dall’altoparlante inneggiano all’ordine, alla disciplina e alla pulizia. Ma non solo. Nello stabilimento tappezzato da cartelli con Mussolini, frasi di Ezra Pound e vietato alla “gente maleducata” che “mi fa schifo” come gli fa schifo “la democrazia perché io sono per il regime”, chiarisce come per lui “i tossici dovrebbero essere sterminati” e come “il 50% della popolazione mondiale è merda”. A volte, oltre ai discorsi trasmessi ogni mezz’ora, l’uomo lascia spazio anche agli inni di regime e insulti a Papa Francesco per la sua apertura verso i migranti.

La Repubblica