quando penso alla mia vita per più di tre secondi,  buongiorno

 

 

 

 

 

 

 

 

Dopo la giornata vista oggi nelle piazze italiane dico solo una cosa: “se chi ci governa, a livello nazionale, regionale e comunale pensa di mandare polizia, carabinieri o polizia municipale a multare i ragazzi della movida o a far rispettare le regole anti-pandemia nei ristoranti, nei bar o sulle spiagge merita di essere sputato in entrambi gli occhi. Qui non si tratta di essere democratici e rispettare il diritto a manifestare. No! Qui si tratta di avere disprezzo feroce per tutti quelli che rispettano le regole. Milioni di italiani che se ne sono stati a casa per mesi perche’ c’era il rischio concreto di vedere centinaia di migliaia di persone morire. Se ne sono stati in casa per rispetto a quei carri dell’esercito che portavano via persone morte in solitudine senza nemmeno il conforto di un parente; per rispetto di quei 120 medici morti per salvare altre vite umane. Se ne sono stati e ancora stanno in casa distanti da figli, nonni, genitori che vivono in altre regioni perche’ così diceva la legge. Ne dovevamo uscire migliori da questa crisi sanitaria e invece ne usciamo come sempre: potenti prepotenti e gli onesti umiliati, caste privilegiate ed eserciti di dannati. Aspetto domani per vedere il carabiniere che stacca il verbale da 500 euro a quei ragazzi che si baceranno sui muretti del lungotevere , perche’ per i semplici cittadini tutto merita punizione, anche l’amore.