se hai la testa fra le nuvole goditi il paesaggio

 

Milano, sul murale la scritta «Bella Ciao» sostituita con «Duce a noi’»

http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_dicembre_04/milano-bussolati-sul-murale-bella-ciao-sostituito-duce-noi-877009dc-d8e2-11e7-a3a8-44c429ca235a.shtml?refresh_ce-cp

 

sabrinaonmymind:

curiositasmundi:

nicolacava:

Se uno mi dice anche i partigiani hanno fatto qualche vittima innocente, come i fascisti, dunque non c’è distinzione, l’unica vera differenza è che i primi hanno vinto e i secondi perso, io chiamo costui con il suo nome: revisionista. Se uno viene da me e mi dice destra e sinistra sono uguali, tutti rubano alla stessa maniera (Cit. De Gregori), io lo chiamo col suo nome: demagogo. Se uno viene da me e chiama i limiti che il diritto del lavoro impone(va) al potere di licenziamento “lacci e lacciuoli”, io non lo chiamo socialista e neanche socialdemocratico…si chiama liberista e con me non ha niente a che fare. Il prolasso economico, civile, politico, morale del nostro paese, a mio avviso, dipende in primo luogo dall’arretramento culturale delle classi popolari, dal loro progressivo imbarbarimento: il popolo, composto per lo più da piccolo-borghesi, è diventato una rozza plebe, acritica e nichilista. L’impiegato, l’operaio, lo studente liceale o universitario degli anni ‘70, mediamente, era molto più informato ed istruito dell’uomo medio del nostro tempo. Io ritengo che la più pesante responsabilità – pesante come un macigno – che ricade sulle teste dei dirigenti e dell’intellighenzia di sinistra (con rarissime splendenti eccezioni) degli ultimi 30-40 anni, sia proprio quella di aver abdicato alla funzione educativa-pedagogica dell’intellettuale organico.

Steve Ramrod FB

gia

(Source: nicolacava, via rispostesenzadomanda

)trova le differenze? non puoi non ci sono

 

 

 

 

 

babeimgonnaleaveu:

“You have to forget about what other people say, when you’re supposed to die, or when you’re supposed to be loving. You have to forget about all these things. You have to go on and be crazy. Craziness is like heaven.” – Jimi Hendrix (November 27, 1942 – September 18, 1970)

per un amica

lo sai che se ci sfioriamo ci infiammiamo come fiammiferi

Continua a leggere…

elogio delle gambe

Continua a leggere…

La verità è che gli psicofarmaci costano. E allora uno scrive.

Continua a leggere…

vi prego, cercate di non essere gregge

Continua a leggere…

Devi perdere il tuo senso del pudore nell’istante in cui mi pensi

Continua a leggere…

it’s true, è più forte di me. j love you

Continua a leggere…