Posts from the ‘Senza categoria’ Category

corallorosso:
“ Nino Manfredi, “Spaghetti House” (Giulio Paradisi, 1982).
giffeteria
”

Nino Manfredi, “Spaghetti House” (Giulio Paradisi, 1982).

Continua a leggere…

dopotutto mica tutto deve avere un senso

 

Palermo, aggressione a segretario provinciale di Forza Nuova: legato e pestato

Chi semina vento…

 

Stendiamo infine un velo pietoso sull'ipocrisia di forza nuova che tre settimane fa esprimeva solidarietà al terrorista nazifascista Traini, offrendogli anche sostegno legale, e oggi denuncia a reti unificate l'aggressione subìta da un suo dirigente...

Mostratemi un capitalista, vi mostrerò una sanguisuga. Malcolm X (vento ribelle)

Mostratemi un capitalista, vi mostrerò una sanguisuga.

Malcolm X

(vento ribelle)

 

 

 

 

 

 

Le ragazze al crepuscolo scendendo in acqua, quando il mare svanisce, disteso. Nel bosco ogni foglia trasale, mentre emergono caute sulla sabbia e si siedono a riva. La schiuma fa i suoi giochi inquieti, lungo l’acqua remota. Le ragazze han paura...

Le ragazze al crepuscolo scendendo in acqua,
quando il mare svanisce, disteso. Nel bosco
ogni foglia trasale, mentre emergono caute
sulla sabbia e si siedono a riva. La schiuma
fa i suoi giochi inquieti, lungo l’acqua remota.

Le ragazze han paura delle alghe sepolte
sotto le onde, che afferrano le gambe e le spalle:
quant’è nudo, del corpo. Rimontano rapide a riva
e si chiamano a nome, guardandosi intorno.
Anche le ombre sul fondo del mare, nel buio,
sono enormi e si vedono muovere incerte,
come attratte dai corpi che passano. Il bosco
è un rifugio tranquillo, nel sole calante,
più che il greto, ma piace alle scure ragazze
star sedute all’aperto, nel lenzuolo raccolto.

“Donne appassionate”, Cesare Pavese

Ciccio Ingrassia, “Amarcord” (Federico Fellini, 1973). giffeteria

Ciccio Ingrassia, “Amarcord” (Federico Fellini, 1973).

giffeteria

vorrei che tu fossi qui per baciarti

Gli onorevoli (Sergio Corbucci, 1963)

Continua a leggere…

le belle parole comprano solo chi costa poco

bestuolf: “Sempre ”

bestuolf:

Sempre

 

Continua a leggere…

Se c’è qualcosa di cui sono sicuro è che vorrei coprirti di baci. In verità, qualche volta ho pensato anche a coprirti di carezze (di quelle delicate che si scambiano al buio, per riconoscersi e appartenersi, gli amanti), ma queste avrebbero avuto un ruolo propedeutico volto a rivelare i punti migliori per distribuire i baci (di cui sopra).

Quando non sai la filastrocca dei mesi dell’anno e ti fanno stampare i calendari

Continua a leggere…

Votare alle prossime elezioni, più che un diritto mi pare una penitenza

 

Se non li conoscete…

SE NON LI CONOSCETE GUARDATELI UN MINUTO
LI RICONOSCERETE DAL TIPO DI SALUTO.
LO SI ESEGUE A BRACCIO TESO MANO APERTA E DITA DRITTE
STANDO A QUELLO CHE SI È APPRESO DALLE REGOLE
[PRESCRITTE.
È UN SALUTO SINGOLARE FATTO CON LA MANO DESTRA
COME IN SCUOLA ELEMENTARE SI USA FAR CON LA MAESTRA
PER AVERE IL SUO PERMESSO AD ASSENTARSI E ANDARE AL [CESSO

ORA LI RICONOSCETE SENZA DUBBIO A PRIMA VISTA
SOLAMENTE CHI È FASCISTA
FA QUESTO SALUTO QUI

SE NON LI CONOSCETE È NORMA ELEMENTARE
GUARDARE LA MANIERA CON CUI SANNO MARCIARE
LE GINOCCHIA NON PIEGATE VANNO AL PASSO TUTTI QUANTI
CHI STA DIETRO DÀ PEDATE NEL SEDERE A CHI STA AVANTIJ
CHI LE PIGLIA SENZA DARLE È CHI MARCIA IN PRIMA FILA
CHI LE DÀ SENZA PIGLIARLE SIANO IN DIECI O IN DIECIMILA
È CHI UN PO’ MENO BABBEO STA ALLA CODA DEL CORTEO

ORA LI RICONOSCETE SENZA DUBBIO A PRIMA VISTA
SOLAMENTE CHI È FASCISTA
MARCIA IN QUESTO MODO QUI

SE NON LI CONOSCETE GUARDATEGLI UN PO’ ADDOSSO
L’ORGANICA ALLERGIA CHE C’HANNO PER IL ROSSO
NON GLI RIESCE DI VEDERE SENZA SCATTI DI FURORE
FAZZOLETTI O BANDIERE CHE SIAN DI QUESTO COLORE
FORSE TU LI PARAGONI A DEI TORI ALLE CORRIDE
MA SON PRIVI DI COGLIONI E IL CONFRONTO NON COINCIDE
SI È SAPUTO DA UN’INCHIESTA CHE LI TENGON NELLA TESTA

ORA LI RICONOSCETE COME SE LI AVESTE VISTI
SOLAMENTE DEI FASCISTI
SEMBRAN TORI MA SON BUOI

SE NON LI CONOSCETE GUARDATE QUANTO VALE
QUEL LORO MOVIMENTO CHE CHIAMANO SOCIALE
MOVIMENTO DI MILIONI MA MILIONI DI DENARI
DALLE TASCHE DEI PADRONI ALLE TASCHE DEI SICARI
GIÀ ERAN CHIARE AD ARCINAZZO LE SUE VERE ATTRIBUZIONI
MOVIMENTO MA DEL CAZZO COME LE MASTURBAZIONI
FATTE A TECNICA MANUALE CON LA DESTRA NAZIONALE

LI RICONOSCETE ADESSO CHE SAPETE CHI LI ACQUISTA
SOLAMENTE CHI È FASCISTA
SA FAR BENE DA LACCHÈ

SE NON LI CONOSCETE GUARDATE IL CAPOBANDA
È UN BOIA O UN ASSASSINO COLUI CHE LI COMANDA
SULL’ORBACE S’È INDOSSATO LA CAMICIA E LA CRAVATTA
PERCHÉ RESTI MASCHERATO TUTTO IL SANGUE CHE LO IMBRATTA
HA COMPRATO UN TRICOLORE E OGNI VOLTA LO SBANDIERA
CHE SI SENTE UN PO’ L’ODORE DELLA SUA CAMICIA NERA
PUNTA A FAR L’UOMO DA BENE FINO A QUANDO GLI CONVIENE

ORA LO RICONOSCETE ALMIRANTE È SEMPRE QUELLO
CON IL MITRA E IL MANGANELLO
BEN NASCOSTI NEL GILET.

SE NON LI CONOSCETE PENSATE ALLA LONTANA
AI FATTI DI MILANO E DI PIAZZA FONTANA
UNA VOLTA ANDAVAN SOLO CON 2 BOMBE E IN BOCCA UN FIORE
MENTRE ADESSO COL TRITOLO FAN LA FIAMMA TRICOLORE
E ORA RIECCOLI DACCAPO CONTRO LA DEMOCRAZIA
CON UN DÌ CON LA GESTAPO ORA INVECE CON LA CIA
CONCIMATI DALLE FECI DI QUEI COLONNELLI GRECI

ORA LI RICONOSCETE STI FASCISTI STE CAROGNE
SE NE TORNINO ALLE FOGNE
CON GLI AMICI CHE HAN LAGGIÙ

(Fausto Amodei, 1972)

 

 

Continua a leggere…